Regione Lazio. Bando per la pesca riaperto

Pubblicato il



Regione Lazio. Bando per la pesca riaperto

La Regione Lazio, con la determinazione del 16 giugno 2022, n. G07833, ha previsto la riapertura dei termini in merito alla presentazione delle domande di sostegno relative all’avviso pubblico “Arresto temporaneo dell’attività di pesca per emergenza Covid-19, art. 33, lett. d del Reg. UE 508/2014” ovvero il PO FEAMP 2014/2020.

Soggetti beneficiari

L’avviso pubblico è rivolto agli armatori di imbarcazioni da pesca iscritti nel Registro delle imprese di pesca, a condizione che gli stessi abbiano interrotto temporaneamente le attività, nel periodo tra il 1° febbraio 2020 e il 31 dicembre 2020, conseguentemente all’emergenza epidemiologica Covid-19.

Si prevede la corresponsione di un premio, per l’arresto temporaneo delle attività di pesca, anche in favore dei pescherecci che operano nell’ambito di un accordo di partenariato per una pesca sostenibile.

L’imbarcazione deve aver svolto un’attività di pesca in mare per almeno 120 giorni nell’arco temporale dal 2018 e 2019.

Nel caso di più imbarcazioni, l’impresa armatrice dovrà presentare domanda per ciascuna di essa, qualora sia stato effettuato un periodo, anche non continuativo, di sospensione dell’attività di pesca.

Sono esclusi dal beneficio gli armatori che non rientrano negli elenchi degli ammissibili, di cui alle determinazioni n. G13916 del 12/09/2021, n. G14673 del 26/11/2021, n. G16047 del 20/12/2021 e n. G07002 del 31/05/2022.

Presentazione domanda e scadenza

La presentazione della domanda di sostegno dovrà essere inviata, a mezzo PEC, entro e non oltre il 18 luglio, ai seguenti indirizzi:

  • area Decentrata Agricoltura Lazio Sud adalatina@regione.lazio.legalmail.it, per le imbarcazioni iscritte negli uffici marittimi ricadenti nel territorio della provincia di Latina;
  • area Decentrata Agricoltura Lazio Centro – adaroma@regione.lazio.legalmail.it, per le imbarcazioni iscritte negli uffici marittimi ricadenti nel territorio della città metropolitana di Roma.

L’istanza - completa della relativa documentazione, firmata e scansionata digitalmente in formato pdf - dovrà riportare come oggetto la seguente dicitura: “Misura 1.33 lett. d) del PO FEAMP 2014-2020 – Domanda di sostegno”.

Selezione delle candidature

Le Aree decentrate competenti, a partire dalla data di ricevimento della domanda:

  • si occuperanno della relativa istruttoria;
  • trasmetteranno, entro 10 giorni dal termine ultimo di presentazione delle istanze, all’Area “Politiche di prevenzione e conservazione della fauna selvatica e gestione delle risorse della pesca e dell’acquacoltura” l’elenco delle domande pervenute con i nominativi dei rispettivi responsabili del procedimento.

L’elenco delle domande di sostegno pervenute è pubblicato sul BURL.

L’Amministrazione potrà richiedere il rilascio di dichiarazioni e la rettifica di dichiarazioni in presenza di istanze erronee ovvero incomplete.

Successivamente, la Direzione regionale procederà alla stesura della graduatoria regionale definitiva, in cui sarà contenuto:

  • l’elenco delle domande ammissibili ed il relativo punteggio;
  • la spesa ammessa e contributo concesso;
  • le domande escluse con la relativa esplicitazione delle motivazioni.

La graduatoria, dopo essere stata approvata con provvedimento direttoriale, verrà pubblicata sul BURL e sul sito istituzionale.

Dotazione finanziaria

L’avviso pubblico ha previsto uno stanziamento delle risorse finanziarie pari a euro 117.054,73.

Il contributo da corrispondere all’impresa (per ogni imbarcazione) verrà calcolato in base al numero di giorni di sospensione dell’attività di pesca, alla stazza del peschereccio e se l’armatore, durante tale periodo, abbia posto o meno il personale di bordo in cassa integrazione.

 

Allegati