Registri IVA precompilati. Possibile la convalida o l’integrazione

Pubblicato il


Registri IVA precompilati. Possibile la convalida o l’integrazione

Entro il 31 ottobre 2021 i contribuenti potranno avvalersi delle bozze dei registri IVA precompilate dall’Agenzia delle Entrate e disponibili dal 13 settembre 2021 oppure continuare con le consuete modalità.

Nel primo caso, sarà possibile modificare, integrare e convalidare i registri precompilati IVA, relativi alle vendite e agli acquisti del terzo trimestre 2021, disponibili nell’area del sito alla sezione “Fatture e corrispettivi”.

Convalida dei registri precompilati: conseguenze

Le conseguenze della convalida o integrazione delle bozze precompilate sono indicate nel provvedimento dell’8 luglio 2021.

La convalida, infatti, dei registri precompilati trimestrali, entro l’ultimo giorno del mese successivo al trimestre di riferimento (ad oggi la scadenza è il 31 ottobre 2021) o l’integrazione dei dati nel dettaglio, avrà come risultato non dover tenere obbligatoriamente i registri, compito che sarà effettuato dall’Agenzia delle Entrate.

Inoltre, per i trimestri per i quali i registri sono convalidati e integrati, il contribuente potrà accedere:

  • alla bozza della comunicazione della liquidazione periodica IVA, tenendo conto delle eventuali modifiche e/o integrazioni effettuate nei registri;
  • al modello F24 di pagamento delle somme risultanti dalla liquidazione trimestrale.

L’uso dei registri IVA precompilati per l’intero periodo d’imposta consente, poi, di arrivare alla dichiarazione IVA precompilata predisposta in bozza dall’Agenzia delle Entrate, così come al modello F24 elaborato sulla base dei dati indicati nella dichiarazione annuale.