Revisori legali FAQ sulla formazione obbligatoria continua

Pubblicato il



Revisori legali FAQ sulla formazione obbligatoria continua

Con l'avvicinarsi della fine del primo anno in cui ha preso il via la formazione continua per i revisori legali iscritti nell’apposito registro (circolare n. 26/2017 della Ragioneria generale dello Stato), il Ministero dell'Economia e delle finanze ha provveduto a pubblicare sul sito istituzionale, nella sezione della revisione legale, le FAQ sui principali chiarimenti rilasciati in materia.

Si ricorda che l’obbligo formativo decorre dallo scorso 1° gennaio e deve essere assolto nel triennio 2017 – 2019.

I revisori possono fruire della formazione rivolgendosi a tre diverse categorie di soggetti:

  • gli enti accreditati dal Ministero dell’economia e delle finanze;

  • lo stesso Ministero dell’economia e delle finanze;

  • gli Ordini professionali, se il revisore è un professionista iscritto a un albo, oppure la società di revisione della quale il revisore sia collaboratore o responsabile della revisione, in ragione della possibilità di riconoscere la formazione organizzata da tali soggetti stessi.

In cosa consiste la formazione continua?

Nella FAQ n. 1, il Ministero specifica che: la formazione continua consiste nella partecipazione a programmi di aggiornamento professionale definiti annualmente dal MEF e finalizzati al perfezionamento e al mantenimento delle conoscenze teoriche e delle capacità professionali. Ogni anno il revisore deve acquisire 20 crediti formativi, in ragione di 60 crediti nel triennio. Le materie e gli argomenti oggetto dei corsi devono essere corrispondenti a una o più delle materie o degli argomenti di cui al programma annuale del Ministero dell’economia e delle finanze.

Almeno metà del programma di aggiornamento, in ragione di 10 crediti annuali, riguarda le materie caratterizzanti la revisione dei conti, quali:

  • la gestione del rischio e il controllo interno,
  • i principi di revisione nazionali e internazionali applicabili allo svolgimento della revisione legale,
  • la disciplina della revisione legale,
  • la deontologia professionale,
  • l’indipendenza e la tecnica professionale della revisione.

Circa il rapporto credito-ora valido per l'ottenimento del monte crediti finale, è precisato nella FAQ n. 2 che:

- vale la regola secondo cui un’ora di partecipazione equivale a un credito;

- è esclusa la possibilità di comunicare una frazione di credito (per esempio: 0,5 crediti). In caso di eventi la cui durata non fosse un numero intero di ore (per esempio, 3 ore e 30 minuti), l’ente formatore valuterà se arrotondare il credito maturato per eccesso o per difetto, nei limiti della ragionevolezza e della correttezza (per esempio, è esclusa la possibilità di riconoscere 8 crediti per un corso di 7 ore diviso in due parti di 3 ore e trenta minuti, attribuendo a ciascuna parte 4 crediti).

Il mancato assolvimento dell’obbligo di formazione o aggiornamento professionale è incluso tra le fattispecie sanzionabili, dall'articolo 24 del Dlgs n. 39/2010.

Allegati Anche in
  • eDotto.com – Edicola 7 luglio 2017 - Revisori legali Istruzioni per la formazione obbligatoria triennale – Moscioni