Sedute dell’Ordine, ok alla videoconferenza

Pubblicato il



Sedute dell’Ordine, ok alla videoconferenza

La partecipazione da remoto alle sedute del Consiglio dell'Ordine dei commercialisti è legittima se prevista dal regolamento.

La precisazione giunge dallo stesso Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili con il pronto ordini n. 168/2022.

Il Cndcec a seguito di un quesito sollevato da un Ordine territoriale si esprime sulla:

  • legittimità della partecipazione da remoto dei consiglieri alle sedute del Consiglio dell’Ordine;
  • equiparabilità della stessa alle sedute in presenza.

Per sciogliere il dubbio è stato necessario ricordare quanto deciso dal Governo durante l’emergenza epidemiologica da Covid-19.

In quel particolare momento storico, il legislatore ha introdotto delle semplificazioni in materia di organi collegiali prevedendo la possibilità per il Consiglio dell’Ordine di poter svolgere le sedute anche in videoconferenza.

In partica, il legislatore autorizzava, fino al termine dello stato di emergenza, lo svolgimento da remoto delle sedute consiliari anche per gli organi collegiali il cui regolamento interno non prevedeva tale modalità di partecipazione alternativa a quella in presenza.

ATTENZIONE: Essendo terminato lo stato di emergenza il 31.03.2022, la partecipazione da remoto alle sedute consiliari degli organi collegali, tra cui rientrano anche gli ordini professionali, è ammissibile solo nel caso in cui l’organo collegiale sia dotato di specifico regolamento interno o abbia modificato quello esistente, prevedendo che le sedute possono altresì svolgersi in videoconferenza, su piattaforma idonea ad assicurare la certezza nell’identificazione dei partecipanti e la sicurezza delle comunicazioni e dei voti.

Alla luce di tutto ciò, conclude il pronto ordini che: la partecipazione in videoconferenza da parte dei consiglieri dell’Ordine alle sedute del Consiglio è legittima ove tale modalità di partecipazione sia prevista e regolata nel regolamento interno. In tal caso, la partecipazione da remoto è equiparata a tutti gli effetti a quella in presenza.

Allegati