Sostegni. Pagati 600mila Cfp e liquidata una tantum Covid

Pubblicato il


Sostegni. Pagati 600mila Cfp e liquidata una tantum Covid

Mef-Entrate e l'Inps comunicano di aver dato l'avvio alle misure del Decreto Sostegni: pagamento per 600mila istanze di contributi a fondo perduto e liquidata l’indennità una tantum a lavoratori autonomi e atipici/stagionali.

Contributo a fondo perduto: pagamento per 600mila richiedenti

Il comunicato congiunto Mef-Entrate dell’8 aprile 2021 informa che sono partiti gli ordinativi di pagamento delle prime 600mila istanze dei contributi a fondo perduto - per un importo complessivo di quasi 2 miliardi di euro - del Decreto Sostegni, presentate sulla piattaforma dell’Agenzia delle entrate dallo scorso 30 marzo alla mezzanotte del 5 aprile.

I richiedenti vedranno accreditarsi le somme direttamente sul conto corrente indicato nella domanda oppure potranno usare l’importo riconosciuto in compensazione.

Dal comunicato emerge che, dal giorno dell’apertura del canale telematico apposito sul sito dell’Agenzia delle entrate ad oggi, sono circa 1 milione le domande per ottenere il contributo a fondo perduto inviate con l’apposita piattaforma informatica.

Di queste, sono 600mila le istanze già elaborate e per le quali è stato predisposto il mandato di pagamento oppure riconosciuto il credito d’imposta.

Alcuni numeri sui richiedenti: quasi 100 mila svolgono la loro attività in Lombardia, seguono la Campania con 70.534 operatori economici, il Lazio (68.697), la Puglia (45.926), la Toscana (42.141), la Sicilia (41.763), il Veneto (40.620). L’elenco prosegue con Piemonte (39.411), Emilia-Romagna (38.556), Calabria (20.987) e Sardegna (17.657).

Liquidata l’indennità una tantum ad autonomi, atipici e stagionali

Anche dal versante previdenziale arriva la notizia - messaggio Inps n. 1452 dell’8 aprile 2021 - dell’avvenuta liquidazione, in favore dei lavoratori autonomi e atipici o stagionali, dell’indennità una tantum di importo pari a 2.400 euro (articolo 10, comma 1, DL n. 41/2021 - Decreto Sostegni).

Tale provvedimento ha previsto la liquidazione automatica, senza bisogno di ulteriori istanze, in favore dei soggetti già beneficiari delle indennità Covid-19 assegnati dai precedenti decreti Rilancio e Ristori.

Dalla misura sono interessati i lavoratori appartenenti alle seguenti categorie:

  • lavoratori stagionali e lavoratori in somministrazione dei settori del turismo e degli stabilimenti termali;
  • lavoratori dipendenti stagionali appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali;
  • lavoratori intermittenti;
  • lavoratori autonomi occasionali;
  • lavoratori incaricati alle vendite a domicilio;
  • lavoratori a tempo determinato dei settori del turismo e degli stabilimenti termali;
  • lavoratori dello spettacolo.
Allegati