Spettacolo, riesame delle domande INPS

Pubblicato il


Spettacolo, riesame delle domande INPS

L’Istituto Nazionale Previdenza Sociale, con messaggio 18 novembre 2020, n.4329, fornisce indicazioni per il riesame delle domande di cui all’indennità COVID-19 previste in favore dei lavoratori dello spettacolo.

L’INPS fornisce le indicazioni per il riesame delle domande di cui all’indennità COVID-19 previste dall' articolo 9, del Decreto-Legge 14 agosto 2020, n. 104, convertito dalla Legge 13 ottobre 2020, n. 126; gestione delle istruttorie relative agli eventuali riesami delle indennità previste dal comma 4 in favore dei lavoratori dello spettacolo.

L'articolo 9 del D.L. 14 agosto 2020, n. 104, comma 4, prevede, infatti, la concessione di un'indennità onnicomprensiva, pari a 1.000 euro in favore dei lavoratori dello spettacolo con i requisiti dell'art 38 del Decreto Legge n. 18/2020, convertito in Legge 27/2020, e dai lavoratori dello spettacolo con sette contributi giornalieri nel 2019  da cui non derivi un reddito superiore a 35.000: le istruzioni amministrative sono state prodotte con circolare INPS n. 125 del 28 ottobre 2020.

La procedura utilizzata dall’Istituto per verificare le domande pervenute è stata realizzata mediante controlli automatici sui requisiti, nonché sulle incompatibilità e incumulabilità normativamente previste.

Gli esiti della domanda e le relative motivazioni, sono consultabili nella sezione del sito INPS denominata Servizio “Indennità 600/1.000 euro”, alla voce “Esiti”, sia da parte del Patronato, sia da parte del cittadino con proprie credenziali.

L'istruttoria automatizzata è stata, però - continua il messaggio INPS - realizzata ponendo come data di osservazione per il controllo della titolarità del rapporto di lavoro dipendente il 15 agosto 2020, tuttavia l’Istituto stesso rappresenta che, a seguito di precisazioni fornite dall'Ufficio Legislativo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, tale data deve essere più correttamente impostata al 19 maggio, in linea con quanto previsto dal comma 11 dell'art. 84 del Decreto Legge n. 34/2020, convertito con Legge n.126/2020.

Pertanto tutte le richieste di riesame che perverranno alle strutture territoriali avverso la reiezione delle domande in oggetto con motivazione “LAV_DIP” dovranno essere istruite secondo le nuove indicazioni fornite.