Stp, modello migliorabile per il CNDCEC

Pubblicato il


Stp, modello migliorabile per il CNDCEC

Necessario rendere le Stp (società tra professionisti) un modello più utilizzabile, superando al contempo gli evidenti limiti emersi sin dal momento della loro istituzione.

È questo l’obiettivo delle proposte migliorative della normativa contenute nel documento “La disciplina delle società tra professionisti: aspetti civilistici, tributari e previdenziali” messo a punto dal Consiglio e dalla Fondazione nazionale dei commercialisti.

A specificarlo è il CNDCEC, con la notizia del 21 settembre 2020.

Stp, le proposte dei Commercialisti

Muovendo dal principio per cui la Stp svolge un’attività professionale e non attività di impresa, i Dottori Commercialisti propongono di intervenire prevedendo una gestione della società riservata unicamente a soci professionisti e un riconoscimento ai soci professionisti di Stp del privilegio per i crediti professionali.

Tra le proposte della categoria vi è anche l’esclusione della Stp dall’ambito applicativo della legge fallimentare e l’attrazione alla disciplina delle crisi da sovraindebitamento.

In ambito fiscale, invece, la principale richiesta è quella di mettere a punto una norma di interpretazione autentica sulla neutralità fiscale delle operazioni di conferimento, apporto, trasformazione e fusione di studi individuali, associati e società semplici in Stp e delle operazioni inverse.

Stp, strumento virtuoso per la professione

“Le STP – afferma il presidente della categoria, Massimo Miani – sono potenzialmente uno strumento virtuoso per l’esercizio in comune della professione, alternativo allo studio individuale o associato, che si è però finora rivelato poco utilizzabile e che va quindi decisamente riformato. Il nostro documento, muovendo dalle indicazioni fornite dal Consiglio Nazionale e dalle prassi registrate in ambito locale, esamina la disciplina della STP evidenziandone gli aspetti controversi e le problematiche emerse in sede di applicazione, e tenta di fornire alcune soluzioni interpretative che possano facilitare l’utilizzabilità del modello, ma soprattutto orientare possibili interventi di modifica de jure condendo”.

Infine, secondo il consigliere nazionale delegato al diritto societario, Massimo Scotton “se il legislatore vorrà emendare, correggere, integrare la normativa dovrebbe far sì che le STP, oltre alla condivisione di spese e costi, possano realizzare un’integrazione di competenze e conoscenze specialistiche differenti, ponendosi sul mercato in maniera competitiva e accedendo, anche grazie a una maggiore patrimonializzazione, più facilmente al mercato del credito. La nostra analisi ha messo in luce come la normativa attuale disincentivi il ricorso massivo a questo strumento. Ripetute sono stati le proposte in materia avanzate dal nostro Consiglio nazionale anche nel documento recentemente depositato nel corso dell’audizione in commissione Finanze alla Camera. Il nostro auspicio è che vengano accolte in sede di conversione dei numerosi decreti emergenziali emanati in questo periodo”.

Allegati Anche in
  • edotto.com – Edicola del 16 giugno 2020 - Contributi a fondo perduto anche per le Stp. Fatturato senza Iva – Moscioni