5 per mille: per gli enti per la tutela dei beni culturali e paesaggistici domande fino al 31 ottobre

Pubblicato il



Con il decreto del 4 ottobre 2012 della presidenza del Consiglio dei ministri, pubblicato nella “Gazzetta Ufficiale” del 12 ottobre 2012, gli enti che svolgono attività di tutela, promozione o valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici da almeno cinque anni e che hanno realizzato, in questo periodo, lavori di valore complessivo pari ad almeno 150mila euro, hanno tempo fino al 31 ottobre 2012 per presentare istanza di accesso al beneficio del 5 mille dell’Irpef.

La proroga ha ricadute sulle altre scadenze:

- entro il 15 novembre 2012 saranno pubblicati gli elenchi degli enti che hanno presentato istanza;

- il 30 novembre 2012 ci sarà la pubblicazione dell’elenco sul sito web del Mef;

- il 15 dicembre 2012 scadrà il termine per la rilevazione di eventuali errori relativi all'iscrizione;

- il 30 dicembre 2012 sarà eventualmente ripubblicato l'elenco aggiornato;

- fino al 31 gennaio 2013 si potrà sottoscrivere e spedire, da parte dei soggetti iscritti nell'elenco aggiornato, la dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà sui requisiti;

- al 31 marzo 2013 finirà il controllo a campione della veridicità delle dichiarazioni;

- il 15 aprile 2013 saranno pubblicati sul sito del Ministero l'elenco dei soggetti ammessi e quello dei soggetti esclusi;

- al 30 aprile 2013 scade il termine per la presentazione, da parte di ciascuno dei soggetti iscritti nell'elenco, del programma delle attività e degli interventi che intende realizzare con il contributo proveniente dalla quota del cinque per mille;

- il 30 settembre 2013 scadrà il termine per il riparto.

Restando in tema, per agevolare l’erogazione del cinque per mille alle associazioni di volontariato e agli altri enti e fondazioni, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha fatto inserire, all’interno del Decreto Legge n. 174 del 10 ottobre 2012, una disposizione che permetterà di stipulare convenzioni con l’Agenzia delle Entrate a titolo gratuito per gli anni finanziari 2010, 2011, 2012.
Allegati Links