Adeguamento locali, un bonus per mettere in sicurezza le attività aperte al pubblico

Pubblicato il


Adeguamento locali, un bonus per mettere in sicurezza le attività aperte al pubblico

Dal 20 luglio è possibile inviare il modello di comunicazione che permette di sfruttare il credito d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro. La comunicazione può essere inviata dal 20 luglio 2020 al 30 novembre 2021; tuttavia, nel caso in cui venga inviata dopo il 31 dicembre 2020, andranno riportate nella stessa esclusivamente le spese ammissibili sostenute nel 2020. Il modello per comunicare le spese ammissibili al credito d’imposta dovrà essere inviato esclusivamente mediante l’apposito servizio web delle Entrate ovvero tramite i canali telematici Entratel/Fisconline. Nel provvedimento del 10 luglio 2020 sono individuate le modalità operative per procedere alla redazione del modello di comunicazione nonché alcune precisazioni circa la possibilità di cessione, anche parziale, del credito d’imposta ad altri soggetti, inclusi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. Nella circolare 20/E, invece, l’Agenzia fornisce i primi chiarimenti interpretativi sul credito d’imposta. In particolare, riguardo l’ambito soggettivo viene chiarito che il bonus spetta agli operatori con attività aperte al pubblico (tipicamente bar, ristoranti, alberghi, teatri e cinema), ai forfetari, agli imprenditori e alle imprese agricole nonché ad associazioni, fondazioni e altri enti privati, compresi gli enti del Terzo settore. Per questi ultimi, la circolare ritiene applicabile l’estensione del beneficio anche se non esercitano, in via prevalente o esclusiva, un’attività d’impresa.

Links