Bando ISI 2018, online gli elenchi provvisori delle aziende ammesse

Pubblicato il



Bando ISI 2018, online gli elenchi provvisori delle aziende ammesse

Pubblicati gli elenchi provvisori in ordine cronologico delle domande di accesso al bando ISI 2019, divise per regione, inoltrate in occasione del cd. “click day” (14 giugno 2019) tramite l’apposita procedura informatica. Gli elenchi provvisori sono ordinati in base all’orario di ricevimento delle domande e i progetti ammessi al finanziamento sono contrassegnati dalla lettera "S".

Entro il termine di scadenza del 25 luglio 2019, le imprese collocate in posizione utile sono tenute a inviare il modulo “A” e la documentazione a conferma e completamento della domanda con le modalità indicate nell’Avviso pubblico. Al riguardo, si fa presente che la procedura di upload consentirà il caricamento del modulo “A” solo a conclusione del caricamento di tutti i documenti obbligatori previsti per la specifica tipologia di progetto. Si ribadisce, inoltre, che trattasi unicamente di un elenco provvisorio. Infatti, come previsto dall’art. 15 dell’Avviso pubblico ISI 2018, in data 12 settembre 2019 saranno pubblicati gli elenchi definitivi in ordine cronologico delle domande di finanziamento.

La notizia è giunta dall’INAIL, con comunicazione del 25 giugno 2019.

Bando ISI 2018, obiettivi

Con il Bando ISI 2018, l'INAIL mette a disposizione 369.726.206 euro a fondo perduto per sostenere la realizzazione di progetti di miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza sul lavoro o per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale da parte delle imprese.

Si tratta della nona edizione dell’iniziativa promossa dall’Istituto assicuratore che, a partire dal 2010, ha concesso alle aziende oltre due miliardi di euro.

I finanziamenti sono a fondo perduto e vengono assegnati fino a esaurimento delle risorse finanziarie, secondo l’ordine cronologico di ricezione delle domande.

L’obiettivo del bando ISI 2018 è duplice:

  • incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento documentato delle condizioni di salute e di sicurezza dei lavoratori;
  • incentivare le microimprese e le piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli all’acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative per abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti, ridurre il livello di rumorosità o del rischio infortunistico o di quello derivante dallo svolgimento di operazioni manuali.

Bando ISI 2018, cosa finanzia?

I progetti finanziati si suddividono in cinque Assi di finanziamento, differenziati in base ai destinatari:

  • Asse 1 (Isi Generalista) euro 182.308.344,00 ripartiti in:
    • Asse.1.1 euro 180.308.344,00 per i progetti di investimento
    • Asse 1.2 euro 2.000.000,00 per i progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;
  • Asse 2 (Isi Tematica) euro 45.000.000,00 per i progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC);
  • Asse 3 (Isi Amianto) euro 97.417.862,00 per i progetti di bonifica da materiali contenenti amianto;
  • Asse 4 (Isi Micro e Piccole Imprese) euro 10.000.000,00 per i progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività (Ateco 2007 A03.1, C13, C14, C15);
  • Asse 5 (Isi Agricoltura) euro 35.000.000,00 per i progetti per le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli, così suddivisi:
    • Asse 5.1 euro 30.000.000,00: per la generalità delle imprese agricole
    • Asse 5.2 euro 5.000.000,00: riservato ai giovani agricoltori, organizzati anche in forma societaria.

Bando ISI 2018, a quanto ammonta l’agevolazione?

L’importo riconosciuto a ciascuna azienda differisce in funzione dell’Asse di finanziamento, come di seguito specificato:

  • per i primi tre Assi di finanziamento è concesso un incentivo in conto capitale nella misura del 65% calcolato sull’importo delle spese ritenute ammissibili. Il finanziamento massimo erogabile è pari a 130.000,00 euro e il finanziamento minimo ammissibile è pari a 5.000,00 euro;
  • per l’Asse 4 è concesso un finanziamento in conto capitale nella misura del 65% calcolato sull’importo delle spese ritenute ammissibili. Il finanziamento massimo erogabile è pari a 50.000,00 euro ed il finanziamento minimo ammissibile è pari a 2.000,00 euro;
  • per l’Asse 5 è concesso un finanziamento in conto capitale nella misura del 40% per i soggetti destinatari dell’Asse 5.1 (generalità delle imprese agricole) e 50% per i soggetti destinatari dell’Asse 5.2 (giovani agricoltori), calcolato sull’importo delle spese ritenute ammissibili, comunque non superiore a euro 60.000,00 e non inferiore a euro 1.000,00.
Anche in
  • eDotto.com – Edicola del 7 giugno 2019 - Bando ISI 2018, appuntamento al 14 giugno per il click day – Bonaddio