22 dicembre 2018

Dichiarazione d’intento: l’errata compilazione è una violazione formale

La società istante, che si è qualificata come esportatore abituale ai fini Iva, ha compilato, con riferimento alle dichiarazioni d’intento inviate a partire dal 1° marzo 2017, il campo “operazioni fino a concorrenza di euro” al fine di assegnare, a ciascun fornitore, uno specifico tetto massimo di...

Contenuto riservato! Accedi o registrati gratuitamente.