Giustizia penale: improcedibilità se i tempi del processo non sono rispettati

Pubblicato il


Giustizia penale: improcedibilità se i tempi del processo non sono rispettati

Nella seduta di ieri, 8 luglio, il Governo ha approvato gli emendamenti proposti dalla ministra della Giustizia, Marta Cartabia, al disegno di legge recante “delega al Governo per l’efficienza del processo penale e disposizioni per la celere definizione dei procedimenti giudiziari pendenti presso le corti d’appello”.

Sul relativo testo il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha chiesto alla maggioranza un appoggio convinto e lealtà in sede parlamentare, atteso che - per come anche sottolineato dal commissario europeo agli Affari economici, Paolo Gentiloni - si tratta di una delle principali riforme che l'Europa attende dall’Italia, a cui è subordinata, peraltro, l’erogazione dei fondi del Recovery plan.

Prescrizione: resta il blocco dopo il primo grado, tempi certi in appello e in Cassazione

Tra i principali interventi, la soluzione della ministra sul nodo prescrizione: lo stop è confermato dopo la sentenza di primo grado, nelle ipotesi sia di condanna sia di assoluzione, ma si impongono tempi certi per i processi di appello e in Cassazione.

Secondo quanto si apprende, infatti, vengono ripresi i termini di durata massima sanciti dalla Legge Pinto: due anni per i giudizi di secondo grado, un anno per i procedimenti in Cassazione.

Laddove questi termini non vengano rispettati si determina l’improcedibilità (che non estingue il reato), anche se si tratterebbe di improcedibilità “mitigata”, visto che sono previste alcune eccezioni.

In particolare, i tempi indicati possono essere prorogati (di un anno in appello e di 6 mesi in sede di legittimità) in presenza:

  • di gravi reati, compresa la corruzione e la concussione;
  • di processi particolarmente complessi per la natura delle questioni da affrontate, per il numero degli imputati o delle vittime coinvolti.

Da tali previsioni sono, in ogni caso, esclusi i reati non soggetti a prescrizione, quelli, ossia, puniti con l'ergastolo.

Tra le altre novità - tese, in via generale, a ridurre i tempi dei processi - si segnalano:

  • la rideterminazione dei tempi di durata delle indagini preliminari, in base alla natura dei reati; 
  • l’individuazione, presso gli uffici del Pm, di priorità trasparenti e predeterminate per l’azione penale
  • la possibilità di richiesta di rinvio a giudizio solo in presenza di ragionevole previsione di condanna;
  • il rafforzamento del controllo del Gip sulle indagini preliminari.