Raccolta domande di RdC/PdC, firmata la convenzione INPS-CAF

Raccolta domande di RdC/PdC, firmata la convenzione INPS-CAF

Adottato lo schema di convenzione tra l’INPS e i Centri di assistenza fiscale (CAF) per l’attività di raccolta e trasmissione delle domande di Reddito di Cittadinanza (RdC), di Pensione di Cittadinanza (PdC) e dei mod. COM per l’anno 2019.

Lo ha reso noto l’INPS, con il messaggio n. 3785 del 18 ottobre 2019. Lo schema di convenzione, si legge nel documento di prassi, ha validità fino al 31 dicembre 2019.

Convenzione INPS-CAF da firmare digitalmente

Ogni CAF, ai sensi dell’art. 3, co. 3, lett. d) del Dpr. n. 322/1998, che abbia ricevuto da parte dell’INPS l’atto giuridico di nomina quale “Responsabile del Trattamento dei dati personali” e lo abbia debitamente restituito, sottoscritto per l’accettazione, ha facoltà di stipulare una convenzione con l’INPS. In particolare, i CAF interessati alla sottoscrizione della convenzione dovranno rivolgersi alla Direzione centrale organizzazione e sistemi informativi “Area Sviluppo dei processi di integrazione e sinergia e procedimentalizzazione delle convenzioni con soggetti privati e professionisti”, tramite e-mail, all’indirizzo: convenzioni.CAF@inps.it.

La convenzione dovrà essere firmata digitalmente, mentre l’imposta di bollo, a carico dei CAF, deve essere assolta in modalità telematica.

Raccolta domande di RdC/PdC, i costi di servizio

La convenzione non prevede che i CAF possano richiedere compensi all’utenza. Pertanto, per i cittadini il servizio d’invio delle domande di RdC/PdC sarà gratuito. Tuttavia, ai CAF saranno riconosciuti corrispettivi direttamente dall’INPS, pari a:

  • 10 euro per ogni domanda di RdC/PdC;
  • 4,10 euro per ogni mod. COM (ridotto o esteso).

Raccolta domande di RdC/PdC, modalità di pagamento dei corrispettivi

I pagamenti per il servizio reso dai CAF sono gestiti dalla Direzione centrale ammortizzatori sociali, alla quale i soggetti convenzionati sono tenuti a trasmettere le fatture esclusivamente in formato elettronico attraverso il sistema di interscambio (SDI).

In particolare, la fattura elettronica dovrà riportare il codice univoco “UF5HHG” e dovrà essere compilata secondo le indicazioni del documento “Convenzioni - Contratti Riferimento Amministrazione” pubblicato dall’Istituto Previdenziale sul proprio sito in: “Avvisi, bandi e fatturazione” - “Fatturazione elettronica” - “Istruzioni ed esempi per la compilazione”.

Allegati

Anche in

  • edotto.com – Edicola del 4 ottobre 2019 - Reddito di Cittadinanza (RdC), linee guida per la stipula dei Patti per l’inclusione – Bonaddio
LavoroPrevidenzaSostegno al reddito