Regime premiale senza professionisti

Regime premiale senza professionisti

Sul regime premiale, ex articolo 10 del Dl 201/2011 (“decreto Salva Italia”), si è tenuto un incontro tra l’Agenzia delle Entrate e le associazioni di categoria per analizzare i risultati raggiunti nel 2015. Al centro dell'analisi i dati positivi dei contribuenti interessati dagli studi di settore ammessi al regime, disciplina di favore per coloro che dichiarano ricavi o compensi in linea con gli studi di settore.

Anche se si è ampliata la platea degli studi di settore che contemplano il regime premiale, i professionisti continuano a restarne fuori anche per il periodo d'imposta 2016.

Regime premiale

Le agevolazioni del regime premiale si ottengono in presenza di tre condizioni:

  • i fruitori devono dichiarare, anche per adeguamento, ricavi o compensi pari o superiori alla stima dello studio di settore;

  • devono risultare coerenti con gli specifici indicatori previsti dai decreti di approvazione dello studio o degli studi di settore applicabili;

  • devono essere in regola con gli obblighi di comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli studi.

Tre i vantaggi in termini di controlli:

  • l’inibizione da accertamenti analitico-presuntivi basati su presunzioni semplici;

  • la riduzione di un anno del termine di decadenza per l’attività di accertamento ai fini delle imposte dirette e dell’Iva;

  • la possibilità di subire la determinazione sintetica del reddito complessivo se l’importo accertato eccede il dichiarato di almeno un terzo (anziché un quinto, come ordinariamente previsto). 

 

Allegati

Links

Anche in

  • eDotto.com - Edicola dell'8 marzo 2017 - Indici Sintetici di Affidabilità (Isa) Chi è affidabile è premiato - G. Lupoi
FiscoAccertamentoAgevolazioniProfessionisti