Ritenute appalti. Il profilo sanzionatorio

Ritenute appalti. Il profilo sanzionatorio

Nella circolare 1/2020 l’agenzia delle Entrate fornisce due indicazioni importanti in merito al profilo sanzionatorio della nuova disciplina sulle ritenute negli appalti (decreto-legge 26 ottobre 2019, n. 124, convertito, con modificazioni, dalla legge 19 dicembre 2019, n. 157).

La sanzione prevista dal comma 4 dell’articolo 17-bis del decreto fiscale rientra tra quelle amministrative non tributarie, in quanto non strettamente correlata alla violazione di norme disciplinanti il rapporto fiscale, con conseguente applicazione delle disposizioni generali della legge 24 novembre 1981, n. 689. Alla stessa, pertanto, non possono essere applicati i principi stabiliti dal decreto legislativo n. 472 del 1997. Questo vuol dire che non si potrà regolarizzare con il ravvedimento operoso.

La sanzione di cui si tratta è quella a carico del committente: in caso di inottemperanza agli obblighi previsti dai commi 1 e 3, il committente è obbligato al pagamento di una somma pari alla sanzione irrogata all’impresa appaltatrice o affidataria o subappaltatrice per la violazione degli obblighi di corretta determinazione delle ritenute e di corretta esecuzione delle stesse, nonché di tempestivo versamento, senza possibilità di compensazione.

Nella circolare 1/E/2020, inoltre, nell’impossibilità di stabilire uno slittamento dell'adempimento (solo il legislatore può farlo), riguardo ai termini sanzionatori l’agenzia delle Entrate comunica che: “Nel caso in cui, nei primi mesi di applicazione della norma (e, in ogni caso, non oltre il 30 aprile 2020), l’appaltatore abbia correttamente determinato ed effettuato i versamenti delle ritenute fiscali (salvo il divieto di compensazione e connesse eccezioni di cui al par. 4.1.), senza utilizzare per ciascun committente distinte deleghe, al committente non sarà contestata la violazione prevista al comma 4 dell’articolo 17-bis connessa all’inottemperanza agli obblighi previsti dai commi 1 e 3 del medesimo articolo, a condizione che sia fornito al committente medesimo, entro il predetto termine, la documentazione indicata al paragrafo 4.2.”.

Ritenute appalti. Manodopera

La circolare contiene un chiarimento importante sulla manodopera da considerare.

Non rientrano nel campo di applicazione della disciplina in esame: "i contratti di somministrazione lavoro stipulati ai sensi dell’articolo 30 del decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81, i quali si caratterizzano per la circostanza che l’agenzia di somministrazione autorizzata «mette a disposizione di un utilizzatore uno o più lavoratori suoi dipendenti, i quali, per tutta la durata della missione, svolgono la propria attività nell’interesse e sotto la direzione e il controllo dell’utilizzatore”.

Allegati

Anche in

  • edotto.com - Edicola del 13 febbraio 2020 - Ritenute negli appalti. Primi chiarimenti dall’Agenzia - G. Lupoi
AccertamentoFiscoImposte