Scissione parziale con attribuzione di asset. Neutralità fiscale

Scissione parziale con attribuzione di asset. Neutralità fiscale

Con la risposta n. 2 del 2019 l’agenzia delle Entrate fornisce precisazioni circa il trattamento fiscale di un’operazione di scissione parziale a favore dell’unico socio (la società), con attribuzione di un asset. Sia la beneficiaria che la società scissa adottano i principi contabili internazionali IAS/IFRS.

Gli effetti di tale scissione sono stati contabilizzati al pari di una distribuzione in natura di un dividendo al socio; dal punto divista contabile:

  • in capo alla società scissa è stata rilevata una riduzione del patrimonio netto pari al valore dell’asset scisso;
  • in capo alla beneficiaria è stato rilevato un provento in misura pari al valore dell’asset imputato a conto economico, che ha dato luogo alla formazione dell’utile di esercizio che è stato accantonato, in sede di approvazione del bilancio, a riserva.

Viene chiesto all’Agenzia di pronunciarsi sul fatto che l’operazione possa essere soggetta al regime di neutralità fiscale di cui all’art. 173 Tuir.

Si tratta di operazione fiscalmente neutrale

L’Amministrazione Finanziaria sostiene che all’operazione prospettata possa applicarsi il regime di neutralità fiscale previsto dall’art. 173 suddetto.

Di conseguenza, a seguito dell’operazione non ci sarà realizzo o distribuzione di plusvalenze e minusvalenze degli asset della società scissa, comprese quelle relative alle rimanenze e all’avviamento.

Del pari, non costituirà né realizzo né distribuzione di plusvalenze o di minusvalenze né conseguimento di ricavi per i soci della società scissa il cambio delle partecipazioni originarie.

L’imputazione a conto economico del provento da parte della beneficiaria comporta che questa, in sede di dichiarazione dei redditi, apporti una variazione in diminuzione in misura pari al valore del dividendo, corrispondente all’intero importo del patrimonio netto scisso.

In merito al patrimonio, la risposta n. 2 del 9 gennaio 2019 specifica che:

  • per la società scissa, l’operazione ha prodotto contabilmente una riduzione del patrimonio netto;
  • per la beneficiaria, l’assegnazione dell’asset non ha comportato alcun immediato (e diretto) aumento del suo patrimonio netto, ma è stata contabilizzata in contropartita di un provento transitato a conto economico il quale, solo alla fine dell’esercizio e insieme all’intero utile di periodo, ha determinato l’aumento del patrimonio netto della società.

Allegati

Anche in

  • eDotto.com – Edicola del 5 dicembre 2018 - Non è elusiva la scissione parziale asimmetrica tra società semplici – Pichirallo
DirittoOperazioni straordinarieDiritto SocietarioFusioni e scissioni