Aiuti area crisi industriale complessa di Taranto. Proroga termine presentazione domande

Aiuti area crisi industriale complessa di Taranto. Proroga termine presentazione domande

Il Ministero dello Sviluppo economico, con circolare n. 262576 del 27 luglio 2018, ha individuato le modalità e i termini di presentazione delle domande di agevolazione per la selezione di iniziative imprenditoriali nel territorio dei Comuni appartenenti all’area di crisi industriale complessa di Taranto tramite ricorso al regime di aiuto di cui alla legge n. 181/1989.

Nel documento si legge che: “le domande di agevolazioni debbono essere presentate a partire dalle ore 12.00 del 28 settembre 2018 e sino alle ore 12.00 del 27 novembre 2018”.

Alcune Istituzioni locali sono, però, successivamente intervenute per richiedere una proroga del termine di presentazione delle domande, necessaria per consentire alle imprese di elaborare i propri progetti di investimento sfruttando un più lungo arco temporale.

A tal fine, il MiSE ha emanato la nuova circolare n. 359428 del 27 novembre 2018, con la quale il termine finale sopra indicato è stato prorogato alle ore 12.00 del 26 gennaio 2019.

Aiuti per aree di crisi industriale non complessa Friuli Venezia Giulia

La circolare n. 355104 del 22 novembre 2018 del Ministero, invece, riporta l’Avviso pubblico per la selezione di iniziative imprenditoriali, tramite ricorso al regime di aiuto di cui alla legge n. 181/1989, nei territori dei comuni della Regione Friuli Venezia Giulia ricompresi nell’elenco delle aree di crisi industriale non complessa individuate ai sensi del Decreto Direttoriale del 19 dicembre 2016.

Obiettivo dell’Avviso è proprio quello di promuove la realizzazione di una o più iniziative imprenditoriali nel territorio dei Comuni indicati, finalizzate al rafforzamento del tessuto produttivo locale e all’attrazione di nuovi investimenti.

Le suddette iniziative imprenditoriali devono prevedere la realizzazione:

  • di programmi di investimento produttivo e/o programmi di investimento per la tutela ambientale, eventualmente completati da progetti per l’innovazione dell’organizzazione;

  • di programmi occupazionali finalizzati ad incrementare il numero degli addetti dell’unità produttiva oggetto del programma di investimento.

Inoltre, esse devono prevedere programmi di investimento con spese ammissibili di importo non inferiore a euro 1.500.000,00.

Agevolazioni concedibili

Le agevolazioni sono concesse nella forma del contributo in conto impianti, dell’eventuale contributo diretto alla spesa e del finanziamento agevolato, alle condizioni ed entro i limiti delle intensità massime di aiuto previste dal regolamento (UE) n. 651/2014.

Il finanziamento agevolato concedibile è pari al 50% degli investimenti ammissibili.

Il contributo in conto impianti e l’eventuale contributo diretto alla spesa sono complessivamente di importo non inferiore al 3% della spesa ammissibile.

L’importo complessivo massimo del contributo in conto impianti e dell’eventuale contributo diretto alla spesa è determinato, in relazione all’ammontare del finanziamento agevolato, nei limiti delle intensità massime di aiuto previste dal Regolamento GBER.

Modalità e termini di presentazione delle domande di agevolazione

Le domande di agevolazione devono essere presentate, a partire dalle ore 12.00 del 31 gennaio 2019, all’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa S.p.a. – Invitalia, a pena di invalidità, secondo le modalità e i modelli indicati nell’apposita sezione dedicata alla legge n. 181/1989 del sito istituzionale www.invitalia.it.

Saranno avviate alla fase di valutazione istruttoria secondo l’ordine cronologico di protocollo. Le istanze valutate positivamente sono ammesse alle agevolazioni fino a concorrenza delle risorse disponibili.

L’ammontare complessivo delle risorse per la concessione delle agevolazioni di cui al presente Avviso è pari a euro 4.308.874,80.

Allegati

Anche in

  • eDotto.com – Edicola del 8 agosto 2018 - Iniziative per l’area di crisi industriale di Taranto. Domande dal 28 settembre – Pichirallo
FiscoAgevolazioni