Disoccupazione, non occupazione e collocamento disabili

Disoccupazione, non occupazione e collocamento disabili

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con circolare n. 34 del 23 dicembre 2015, ha fornito le prime indicazioni operative in riferimento al D.Lgs. n. 150/2015, entrato in vigore il giorno 24 settembre 2015.

La circolare analizza:

  • lo stato di disoccupazione (nozione, modalità di registrazione e accesso ai servizi ed alle misure di politica attiva del lavoro);
  • la condizione di non occupazione;
  • l’applicazione delle norme del Capo II del D.Lgs. n. 150/2015, al collocamento dei disabili di cui alla Legge n. 68 del 12 marzo 1999.

La DID

Con riferimento alla dichiarazione di immediata disponibilità, la circolare ministeriale n. 34/2015, specifica che, nelle more della piena operatività del Portale Nazionale delle Politiche del Lavoro, le suddette dichiarazioni continueranno ad essere sottoscritte presso il Centro per l’Impiego o saranno rilasciate ai sistemi informativi regionali esistenti che già prevedono tale modalità.

Nei casi di presentazione della domanda di ASpI, NASpI, DIS-COLL e indennità di mobilità, la domanda stessa fatta all’INPS equivale a dichiarazione di immediata disponibilità.

In questi casi, la registrazione sarà resa disponibile per i sistemi regionali attraverso il canale di cooperazione applicativa.

Una volta divenuto pienamente operativo il Portale Nazionale, le registrazioni effettuate sullo stesso verranno instradate verso i sistemi regionali mediante i sopra descritti canali di cooperazione applicativa.

Con successiva circolare della Direzione Generale per le Politiche Attive, i servizi per il lavoro e la formazione, ovvero con atto dell’Agenzia Nazionale per le politiche attive del lavoro (ANPAL), saranno disciplinati i tempi e le ulteriori modalità di transizione verso il sistema a regime, compreso l’eventuale periodo transitorio di utilizzo di entrambi i sistemi.

Allegati

Anche in

  • eDotto.com – Edicola del 30 novembre 2015 - NASpI e DID: i nuovi chiarimenti dell’INPS – Redazione eDotto
Riforma del lavoroLavoro