FAQ sul bonus investimenti pubblicitari

FAQ sul bonus investimenti pubblicitari

Il credito d’imposta per gli investimenti pubblicitari incrementali trova ulteriori chiarimenti da parte del Dipartimento per l’Informazione e l’editoria della Presidenza del Consiglio dei ministri, che ha pubblicato sul proprio sito internet le risposte alle domande più frequenti.

Le Faq affrontano gli aspetti più importanti dell’agevolazione e sono finalizzate a dirimere i dubbi più ricorrenti espressi dai contribuenti e dagli operatori del settore. In caso di necessità, esse saranno tempestivamente aggiornate.

Si ricorda che c’è tempo fino al 22 ottobre 2018 per richiedere il cosiddetto bonus pubblicità sugli investimenti incrementali (almeno dell’1% rispetto all’anno precedente) sulla stampa quotidiana e periodica, anche online, e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali.

FAQ sul credito di imposta su investimenti pubblicitari incrementali

Riguardo alle modalità di accesso al bonus - con specifico riguardo a dove reperire le informazioni dettagliate sullo stesso e la “comunicazione per fruizione del credito d’imposta sugli investimenti pubblicitari incrementali” - il Dipartimento specifica che il modello di "comunicazione telematica" e le relative istruzioni per la compilazione sono reperibili sul proprio sito internet (www.informazioneeditoria.gov.it) e sul sito Internet dell’Agenzia delle entrate (www.agenziaentrate.it). Eventuali aggiornamenti della modulistica e delle relative istruzioni, ed ogni altra informazione e notizia utile ai fini della più corretta ed agevole fruizione della misura saranno pubblicati sugli stessi siti Internet delle due Amministrazioni.

Circa la presentazione della rinuncia alla richiesta, si legge che la rinuncia, totale o parziale, a una comunicazione di accesso al credito d’imposta già inviata può essere presentata, per qualunque motivo, negli stessi termini previsti per la trasmissione della comunicazione, cioè dal 22 settembre al 22 ottobre 2018. Pertanto, non avranno effetto le rinunce presentate oltre questi termini. Viene precisato che non è possibile presentare una rinuncia agli effetti di una dichiarazione sostitutiva precedentemente inviata.

Tra le altre precisazioni rese, le seguenti:

  • la compilazione dell’elenco dei soggetti da sottoporre alla verifica antimafia (allegato alla comunicazione telematica) è obbligatoria soltanto quando il credito d’imposta richiesto sia superiore a 150mila euro e per i soli operatori non iscritti nelle “white list”;

  • non sono ammesse all’agevolazione le spese sostenute per “altre forme di pubblicità”, come, ad esempio: grafica pubblicitaria su cartelloni fisici, volantini cartacei periodici, pubblicità su cartellonistica, pubblicità su vetture o apparecchiature, pubblicità mediante affissioni e display, pubblicità su schermi di sale cinematografiche, pubblicità tramite social o piattaforme online, banner pubblicitari su portali on line;

  • se gli investimenti pubblicitari dell’anno precedente a quello per cui si richiede l’agevolazione sono stati pari a zero, non è possibile accedere al credito d’imposta. Di conseguenza, non possono usufruire del tax credit coloro che hanno iniziato l’attività nell’anno per il quale si richiede il beneficio;

  • per il calcolo dell’incremento percentuale si può fare riferimento al “complesso degli investimenti”, cioè agli investimenti incrementali effettuati sui diversi canali di informazione rispetto all’anno precedente. Tuttavia, è necessario che su tutti i canali la spesa per gli investimenti effettuata nell’anno precedente non sia pari a zero;

  • si può accedere al bonus anche in relazione agli investimenti effettuati su un solo mezzo di informazione (stampa da una parte ed emittenti radiofoniche e/o televisive dall’altra);

  • per il riconoscimento del credito d’imposta non assume alcuna rilevanza l’ordine cronologico di presentazione delle richieste di accesso. In caso di insufficienza delle risorse disponibili, si procederà alla ripartizione percentuale tra tutti coloro che hanno correttamente e tempestivamente presentato la comunicazione telematica.

Anche in

  • eDotto.com – Edicola del 24 settembre 2018 - Bonus investimenti pubblicitari. Fino al 22 ottobre domande per accesso al credito d’imposta – Moscioni
FiscoAgevolazioni