Precompilata, il contribuente potrà intervenire accedendo al sito

Precompilata, il contribuente potrà intervenire accedendo al sito

Ottenuto il parere favorevole del Garante della privacy, l’Agenzia delle Entrate pubblica i due provvedimenti sui modelli precompilati:

  • provvedimento 76047 del 9 aprile 2018, che riepiloga le regole per l'accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati;
  • provvedimento 76048 del 9 aprile 2018, che illustra le modalità tecniche di utilizzo dei dati delle spese sanitarie e delle spese veterinarie ai fini della elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata, a decorrere dall’anno d’imposta 2017.

Dal 16 aprile 2018 è possibile aprire e consultare la propria precompilata (730 e Redditi); dal 2 maggio 2018 è consentito modificare, integrare le precompilate e inviare il 730.

Novità per l'accesso al 730 precompilato

Con il provvedimento 76047/2018, nel confermare le modalità di accesso ai modelli 730 precompilati previste dal provvedimento n. 69483/2017, l'Agenzia riepiloga le regole per l’accesso “fai da te”, o tramite Caf e intermediari abilitati, alla propria dichiarazione dei redditi.

A partire dal 2 maggio 2018 i contribuenti, oltre alla possibilità di modificare o integrare la precompilata, possono inviare il 730 all’Agenzia nel rispetto degli elevati standard di sicurezza approvati dal Garante della privacy.

In merito all’accesso “fai da te”, il contribuente può accedere direttamente utilizzando uno dei seguenti strumenti di autenticazione:

  • credenziali dispositive Fisconline;
  • Carta nazionale dei servizi (Cns);
  • identità Spid (Sistema pubblico per la gestione dell’identità digitale);
  • credenziali dispositive rilasciate dall’Inps o dalla Guardia di finanza o dal sistema informativo di gestione e amministrazione del personale della pubblica amministrazione (NoiPa);
  • credenziali rilasciate da altri soggetti individuati con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate.

Le modalità d’accesso “delegato” presentano due novità:

  • il riferimento ai dati dichiarativi dell’anno precedente (non più dei due anni prima) da indicare nella richiesta;
  • l’accesso in cooperazione applicativa con cornice di sicurezza da parte dei Caf, introdotto in via sperimentale.

Spese sanitarie e veterinarie. Il contribuente rettifica, modifica, integra

Le modalità tecniche di utilizzo dei dati delle spese sanitarie e veterinarie ai fini della elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata restano quelle dei provvedimenti del 29 luglio 2016 e del 15 settembre 2016.

Ma, a partire dall’anno d’imposta 2017, il contribuente può rettificare i dati delle spese sanitarie e veterinarie.

Il provvedimento 76048/2018 spiega che una nuova funzionalità permetterà al contribuente di rettificare i dati delle spese sanitarie e veterinarie, nell’ambito di un servizio per la compilazione agevolata del quadro relativo agli oneri deducibili e detraibili della dichiarazione dei redditi.

Così, a partire dal giorno in cui sarà possibile accettare, modificare o integrare direttamente la dichiarazione (2 maggio prossimo), accedendo all'area autenticata del sito dell'Agenzia, tramite i servizi in cooperazione applicativa (servizio web service puntuale) esposti dal Sistema tessera sanitaria, il contribuente potrà modificare:

  • le informazioni di dettaglio relative alle singole spese sanitarie e ai rimborsi, anche in relazione alle spese sostenute per i familiari a carico, a esclusione delle spese e dei rimborsi per i quali l’assistito abbia manifestato l’opposizione (il contribuente può eliminare oppure aggiungere o modificare i singoli documenti di spesa);
  • le informazioni di dettaglio relative alle singole spese veterinarie e ai rimborsi.

Il Sistema Ts crea una copia dei dati aggiornati delle spese e dei rimborsi e fornisce all’Agenzia delle entrate, per ogni contribuente, i nuovi totali, che vengono utilizzati nell’ambito di un servizio per la compilazione agevolata del quadro della dichiarazione dei redditi relativo agli oneri deducibili e detraibili.

Allegati

Anche in

  • eDotto.com - Edicola del 7 aprile 2018 - Garate privacy, ok a correzioni nel 730 precompilato e corsia preferenziale per i Caf - Moscioni
FiscoDichiarazioni