Conservazione dati nei servizi di comunicazione elettronica. Direttiva ko

La Corte di giustizia europea, con sentenza pronunciata l'8 aprile 2014 in riferimento alle cause riunite C-293/12 e C-594/12, ha dichiarato invalida la Direttiva 2006/24/CE.

La direttiva censurata riguarda la conservazione di dati generati o trattati nell'ambito della fornitura di servizi di comunicazione elettronica accessibili al pubblico o di reti pubbliche di comunicazione.

Ingerenza da limitare allo stretto necessario


Secondo la Corte europea questa normativa comporterebbe un'ingerenza nei diritti fondamentali al rispetto della vita privata e alla protezione dei dati personali di vasta ampiezza e di gravità particolare nell'ordine giuridico dell'Unione, senza che tale ingerenza sia precisamente inquadrata in delle disposizioni che permettano di garantire che la stessa sia effettivamente limitata allo stretto necessario.

Anche in

  • Il Sole 24Ore – Norme e Tributi, p. 39 - Dati personali, privacy rafforzata - Romano
  • ItaliaOggi, p. 32 – Data retention, bocciatura Ue – Ciccia
Diritto CommercialeDirittoProtezione dei dati personali (Privacy)