Responsabilità del professionista

Avvocato non colpevole se non ha arrecato nocumento

Alessia Lupoi | 26/07/2011 Non arreca nocumento alla parte difesa dinanzi alla autorità giudiziaria l’avvocato che prima percepisce un acconto sulla parcella poi scompare, costringendo il cliente ad incaricare altro difensore. A meno che non venga dimostrato il danno, cui consegue il reato, subito dal cliente piantato in asso. E’ necessaria la verificazione dell’arrecato nocumento agli interessi della parte, che, quale conseguenza della violazione dei doveri professionali, rappresenta l'evento del reato. La corte di...
AvvocatiProfessionistiResponsabilità del professionista

Sì al sequestro preventivo se il consulente ha un ruolo attivo

Gioia Lupoi | 17/06/2011 Se il consulente, in relazione alle indebite compensazioni effettuate dal gruppo delle società accertate, non si è limitato a svolgere l'attività professionale di commercialista, ma è stato l'ideatore dell'utilizzo illecito dei meccanismi di cui al modello F24, concorrendo consapevolmente alla realizzazione delle indebite compensazioni come contestate in atti, è legittimamente sottoposto al sequestro preventivo dei beni (immobili e auto) finalizzato alla confisca per equivalente. È quanto...
Procedimenti specialiProcedura civileDiritto CivileDirittoResponsabilità del professionistaProfessionisti

Incolpevole il notaio che non trascrive la compravendita per colpa degli acquirenti

Cinzia Pichirallo | 23/05/2011 Non può essere accusato di alcun inadempimento il notaio che non procede ad effettuare, conseguentemente al rogito, la trascrizione della compravendita qualora gli acquirenti non abbiano procurato al professionista le necessarie certificazioni anagrafiche. E' stata così confermata la sentenza di appello da parte dei giudici della Corte di cassazione che, con sentenza n. 8865 del 18 aprile 2011, hanno avallato le risultanze istruttorie in base alle quali più volte il notaio ed i suoi...
Obbligazioni e contrattiDiritto CivileDirittoImmobiliFiscoNotaiProfessionistiResponsabilità del professionista

Risarcimento danni a carico del legale che fa scadere i termini per l'appello

Eleonora Pergolari | 16/05/2011 Con sentenza n. 10686 del 13 maggio 2011, la Corte di cassazione ha rigettato il ricorso avanzato da un avvocato avverso la decisione con cui lo stesso era stato condannato dai giudici di appello al risarcimento dei danni, per mancato o negligente adempimento del mandato difensivo, nell'ambito di una controversia in cui lo stesso aveva fatto scadere i termini per appellare una pronuncia di primo grado, confidando nella conclusione di una transazione con la controparte. Confermata la lettura...
AvvocatiProfessionistiResponsabilità del professionista

Responsabilità professionale per l'avvocato che omette la richiesta di ammissione delle prove

Eleonora Pergolari | 13/04/2011 Con sentenza n. 8312 del 12 aprile 2011, la Cassazione ha ribaltato la decisione con cui i giudici di merito avevano respinto la domanda di risarcimento danni per responsabilità professionale avanzata da un uomo nei confronti dell'avvocato che lo aveva difeso in una causa per risarcimento danni. In tale sede, infatti, il legale aveva chiesto fissarsi l'udienza di precisazione delle conclusioni senza preventivamente chiedere l'ammissione delle prove sulle modalità del fatto, sulla...
AvvocatiProfessionistiResponsabilità del professionista

I notai a convegno su regolarizzazione delle case fantasma

Cinzia Pichirallo | 27/03/2011 Uno dei temi dibattuti al convegno, svoltosi il 25 marzo, sulla regolarità catastale dei fabbricati organizzato a Roma dalla Fondazione italiana per il notariato in collaborazione con il consiglio notarile di Roma, è stato la poca adesione da parte dei professionisti all'utilizzo della registrazione e trascrizione online. Il Direttore dell'agenzia del Territorio, Gabriella Alemanno, ha richiamato i notai a farne uso in vista della prossima obbligatorietà. Alemanno ha rammentato che dal 2...
CatastoImmobiliFiscoNotaiProfessionistiResponsabilità del professionista

Responsabilità disciplinare solo se l'atto è inequivocabilmente nullo

Eleonora Pergolari | 21/03/2011 Per la Cassazione – sentenza n. 5913/2011 – il notaio può essere considerato come disciplinarmente responsabile ai sensi dell'articolo 28 della legge n. 89 del 1913, solo qualora l'atto da lui redatto sia inequivocabilmente nullo. In particolare, i giudici di legittimità hanno considerato un'errata applicazione della legge quella operata dagli organi giudiziari dei gradi di merito i quali avevano ritenuto che comportasse una nullità inequivoca il fatto che un notaio avesse autenticato una...
NotaiProfessionistiCodice deontologicoResponsabilità del professionista

Aggirare le leggi non rientra tra i doveri del professionista

Eleonora Pergolari | 24/02/2011 Con ordinanza n. 4422 del 23 febbraio 2011, la Cassazione ha rigettato il ricorso presentato da tre persone avverso la decisione con cui i giudici di merito avevano disconosciuto l'esistenza di una responsabilità professionale in capo al loro legale, incaricato della presentazione di una dichiarazione di successione. In particolare, i ricorrenti lamentavano che l'avvocato, in prossimità della scadenza del termine per la dichiarazione di successione ed in mancanza della documentazione...
AvvocatiProfessionistiResponsabilità del professionista

Il consulente a rischio di confisca per equivalente

Gioia Lupoi | 12/01/2011 Il Tribunale del riesame di Brescia, con l'ordinanza del 5 ottobre 2010, depositata il 16 ottobre 2010, ha confermato “il sequestro preventivo per equivalente, in relazione all'intero profitto del reato, del patrimonio del professionista che, suggerendo pratiche illegali e dando loro esecuzione, concorre con altri soggetti all'integrazione del delitto di indebita compensazione di cui all'art. 10-quater del digs n. 74 del 2000, quale reato fine di un'associazione per delinquere”. La sentenza...
Responsabilità del professionistaProfessionistiConsulenti del lavoroCommercialisti ed esperti contabili

Scadenza dei termini per l’impugnazione del licenziamento: responsabile il difensore del lavoratore

Gioia Lupoi | 03/11/2010 La Cassazione, III Sezione civile, con sentenza n. 22274 del 2 novembre 2010, ha stabilito che l’azione giudiziale di annullamento per licenziamento illegittimo è prescritta dopo 5 anni. Non rileva, per la sospensione della prescrizione, che nel frattempo sia compiuta altra attività. Questo in riferimento ai casi precedenti al collegato lavoro che ha ridotto ulteriormente a 270 giorni l’impugnazione del licenziamento.  Dunque, se osservato il periodo previsto di 60 giorni per l’impugnazione,...
ContenziosoLavoroAvvocatiProfessionistiResponsabilità del professionista