ISEE precompilato, al via dal 2020

Pubblicato il


ISEE precompilato, al via dal 2020

Come già previsto dal 2015 per il modello 730, anche l’ISEE passerà al sistema “precompilato”. Infatti, dal 1° gennaio 2020, la DSU precompilata è resa accessibile ai nuclei familiari che nel triennio “2016-2018” abbiano presentato una DSU all'INPS, in via telematica, direttamente a cura del richiedente, ai sensi dell'art. 10, co. 6 del regolamento ISEE.

Il passaggio al sistema “precompilato” è stato introdotto dal Decreto Lavoro del 9 agosto 2019, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 233 del 4 ottobre 2019. Inizialmente, il progetto riguarderà in via sperimentale solo pochi nuclei familiari, vale a dire alcune migliaia rispetto ai sei milioni che, attualmente, si rivolgono ai Centri di assistenza fiscale (Caf) per compilare l'ISEE.

ISEE precompilato, come accedere al sito

L’ISEE precompilato è disponibile sul sito INPS con una serie di dati caricati dal sistema, come ad esempio conti correnti, immobili e redditi della famiglia. Quindi, chi intendesse usufruire delle varie prestazioni sociali, potrà collegarsi sul sito INPS tramite:

  • credenziali INPS;
  • Agenzia delle Entrate;
  • identità Spid almeno di secondo livello.

ISEE, passaggio al sistema precompilato

Si passerà, quindi, da un sistema attuale in cui l’ISEE deve essere compilato in completa autonomia, a un sistema nel quale l’INPS precompilerà direttamente la DSU, collaborando con la stessa Agenzia delle Entrate.

Per la Dsu precompilata saranno usate le informazioni disponibili nell’Anagrafe tributaria e nel Catasto, oltre a quelle su saldi e giacenze medie di conti e depositi del nucleo familiare comunicate da banche, Poste e intermediari finanziari all’anagrafe tributaria. I datti reddituali, invece, saranno prelevati dalle dichiarazioni fiscali.

Chi avesse bisogno di una situazione più aggiornata della situazione familiare, l'interessato può richiedere l'ISEE corrente, che fa riferimento a un periodo di tempo più ravvicinato alla richiesta della prestazione agevolata.

ISEE precompilato, limiti per la tutela della privacy

Il Garante della privacy, con il provvedimento n. 136/2019, ha disposto il via libera alle modalità attuative della Dichiarazione sostitutiva unica precompilata a fini ISEE. In particolare, il Garante della privacy ha apprezzato positivamente l’introduzione di idonee garanzie, misure e accorgimenti volti a limitare i rischi di accessi ai dati non autorizzati o di trattamenti non consentiti o non conformi alle finalità della raccolta, nel rispetto innanzitutto del principio “Data protection by design e by default” e di altri importanti principi sanciti dal Regolamento europeo n. 679/2016, nonché nel rispetto delle necessarie misure di sicurezza che il titolare del trattamento deve garantire.

Inoltre, per i cittadini sono previsti strumenti di controllo diretto sull’uso dei propri dati a fini ISEE consultando, sui siti dell’INPS e dell’Agenzia delle Entrate, i riferimenti di eventuali DSU presentate a proprio nome. Infatti, in attuazione del principio di trasparenza contenuto nel Gdpr, vanno resi noti all’interessato, nelle aree riservate dei siti dell’INPS e dell’Agenzia delle Entrate, i riferimenti di eventuali DSU presentate nonché il nominativo del dichiarante che ha richiesto tali DSU.

Allegati Anche in
  • edotto.com – Edicola del 7 ottobre 2019 - ISEE precompilato, pubblicato il Decreto in Gazzetta Ufficiale – Bonaddio