redattore profile

45
Articoli pubblicati

Michele Siliato

Biografia

Laureato in Consulente del Lavoro presso l'Università degli Studi di Messina, iscritto all'Ordine dei Consulenti del Lavoro di Messina.

Esercita la libera professione in qualità di titolare dello studio ed è specializzato in diritto del lavoro, contenzioso e relazioni sindacali.

Relatore in convegni e corsi di formazione, collabora nella Redazione della testata giornalistica Edotto per la cura del Prontuario Lavoro e la realizzazione di Ebook.



Nuovi importi per gli iscritti alla gestione Artigiani e Commercianti ed alla Gestione separata

Con le circolari n. 12 del 3 febbraio 2020 e n. 28 del 17 febbraio 2020, rispettivamente per i soggetti iscritti alla Gestione separata di cui all'art. 2, comma 26, Legge 8 agosto 1995, n. 335, e per coloro che sono iscritti alla Gestione artigiani ed esercenti attività commerciali, l'Istituto...


Quote di TFR versate al Fondo di Tesoreria, no alla portabilità

Con il messaggio 4 febbraio 2020, n. 413, l'Istituto Previdenziale preclude la possibilità, per i lavoratori dipendenti, di destinare le quote pregresse di trattamento di fine rapporto accantonate al Fondo di Tesoreria ad altra forma di previdenza complementare.


Incentivo "IO Lavoro" - Agevolazioni 2020

Con il Decreto Direttoriale ANPAL n. 52 dell'11 febbraio 2020 viene istituito l'IncentivO Lavoro, per le assunzioni effettuate nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2020 ed il 31 dicembre 2020. Il decreto in trattazione annulla e sostituisce il precedente Decreto Direttoriale n. 44 del 6 febbraio...


Diminuisce il cuneo fiscale, ma l'onere per i datori di lavoro non cambia

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (n. 29 del 5 febbraio) del Decreto Legge 5 febbraio 2020, n. 3, viene data attuazione alla riduzione del carico fiscale sulle persone fisiche, prevista dalla Legge di Bilancio per l'anno 2020. 


Caso "Foodora", sì alla collaborazione coordinata e continuativa, ma con le tutele del lavoro subordinato

Nel luglio del 2017, un gruppo di lavoratori con mansioni di fattorini in forza di contratti di collaborazione coordinata e continuativa (c.d. riders) chiedevano al Tribunale di Torino il riconoscimento della natura subordinata del rapporto di lavoro.