Contenzioso

L’infrazione con l’auto costa cara

eDotto | 30/04/2007 Con la decisione n. 1309 depositata il 20 marzo 2007, il Consiglio di Stato ha dichiarato legittimo il rifiuto del riconoscimento della causa di servizio nel caso di un infortunio di un dipendente pubblico riportato in seguito ad un incidente stradale verificatosi mentre si recava al lavoro con mezzo proprio, in quanto la responsabilità dell’incidente è imputabile al dipendente stesso. In ragione di ciò l’Inps, cui il lavoratore ha presentato la domanda per il riconoscimento della causa di...
LavoroContenzioso

Strada in salita per l’ispettore

eDotto | 30/04/2007 Proprio il 26 aprile, giornata dedicata alla lotta contro il lavoro nero, il Ministro del Lavoro, Damiano, ha annunciato un decreto dell’Economia che stanzia 3 milioni di euro per le indennità di missione di ispettori civili e carabinieri del Ministero del Lavoro. La maggioranza degli ispettori, infatti, è spesso assegnata a funzioni amministrative o ad attività di ufficio, proprio a causa della carenza di mezzi economici, mentre divergenze interpretative riguardo il profilo professionale,...
LavoroContenzioso

Non è reato l’accesso al file del collega

eDotto | 27/04/2007 L’accesso illegittimo ai file protetti di un collega può costare il posto di lavoro, ma non costituisce reato. Su questa fattispecie si è pronunciata la Corte di Cassazione con due sentenze, una della Sezione Lavoro (n. 153 del 9 gennaio) e una della Quinta Penale (n. 6459 del 15 febbraio). I giudici, infatti, hanno ritenuto legittimo il licenziamento del dipendente per violazione dell’obbligo di fedeltà del lavoratore, di cui all’articolo 2105 del Codice civile, ma in sede penale lo hanno...
LavoroLavoro subordinatoLicenziamentoContenzioso

Licenziato chi sfugge al medico

eDotto | 16/04/2007 La sezione lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 6618/2007, ha respinto il ricorso di un dipendente licenziato per giusta causa, dopo ripetute assenze ai controlli durante la malattia. In merito la Suprema Corte, ha sentenziato che la reperibilità del lavoratore ammalato nelle fasce orarie previste, costituisce un onere nel rapporto assicurativo con l'ente previdenziale ed un obbligo accessorio alla prestazione principale, la violazione della quale assume valore disciplinare. In...
LavoroLavoro subordinatoLicenziamentoContenzioso

La replica denigratoria porta alla “rottura”

eDotto | 16/04/2007 Reagire ad una contestazione relativa ad inadempimenti non gravi, ma comunque provati, denunciando l'azienda per vicende pretestuose ed infondate, non inerenti al rapporto di lavoro, rappresenta una grave crisi della relazione lavorativa, tale da giustificare l'espulsione del lavoratore.   Lo ha deciso la sezione lavoro della Corte di Cassazione con la sentenza n. 5288/2007.
LavoroLicenziamentoLavoro subordinatoContenzioso

“Passa” la colluttazione proporzionata all’offesa

eDotto | 16/04/2007 La sentenza n. 7300/2007 della Cassazione, revoca l'allontanamento dal lavoro di un caporeparto che, in seguito all'aggressione fisica da parte di un suo subordinato, cui aveva contestato l'operato, aveva reagito con una reazione adeguata alla condotta offensiva subita.   Lo scontro fisico con un collega, per la Corte Suprema, non giustifica il licenziamento se l'azione è proporzionata all'offesa.
LicenziamentoLavoro subordinatoLavoroContenzioso

L’Azienda non paga se l’errore è nella guida

eDotto | 16/04/2007 Il datore di lavoro non risponde dell'infortunio di un dipendente se provocato dalla condotta irresponsabile di un collega. Questo quanto deciso nella sentenza n. 7127/2007 della Cassazione, in merito alla richiesta di risarcimento di un dipendente coinvolto in un incidente mentre viaggiava su un automezzo della società, condotto da un collega, all'interno dello stabilimento. Gli effetti invalidanti riportati, infatti, derivano dalla condotta imprevedibile del collega, unica causa dell'evento...
LavoroContenziosoLavoro subordinato

Più tutele anche ai dirigenti

eDotto | 11/04/2007 Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 7880, estendono le garanzie procedurali ai licenziamenti dovuti a ragioni disciplinari per i dirigenti di ogni livello.   Assume particolare importanza, precisa la Cassazione, il valore del contraddittorio come elemento associato al principio di proporzionalità della sanzione disciplinare. La decisione, dunque, favorevole all'espansione delle procedure di contestazione dei fatti alla base del recesso, tiene conto delle conseguenze...
LavoroContenzioso

Lecite le memorie difensive “aggressive”

eDotto | 11/04/2007 Con la sentenza 1757 del 26 gennaio, la Corte di Cassazione ha stabilito che il dipendente non può essere licenziato per le considerazioni svolte durante il contenzioso con l’impresa, seppur ritenute oltraggiose, non veritiere e gravemente allusive.   La Corte ha richiamato le diverse disposizioni in materia ed ha concluso che il licenziamento è da ritenersi illegittimo perchè la memoria difensiva, pur sottoscritta personalmente dalla parte, è un “atto riferibile alla difesa tecnica e quindi...
LavoroLavoro subordinatoLicenziamentoContenzioso