Contenzioso

Trasferimento d’ufficio? Non è mobbing

11/09/2007 La Cassazione, con la sentenza n. 18580 del 4 settembre 2007, nel respingere il ricorso di un biologo chiarisce che non è da considerare mobbing il trasferimento d’ufficio di un lavoratore ad un nuovo reparto con assegnazione di altre funzioni. Salvo il caso in cui il dipendente non riesca a provare che la nuova attività abbia comportato una dequalificazione professionale dovuta ad un atteggiamento persecutorio del datore di lavoro.
ContenziosoLavoroLavoro subordinato

Stop alle “insidie” in ufficio

10/09/2007 Il tema della settimana è incentrato sul problema del mobbing che la legge italiana non ha ancora identificato come reato. La mancanza di un’espressa definizione normativa del fenomeno costringe i giudici del lavoro ad entrare nel merito delle molteplicità di episodi e fatti sottoposti alla loro attenzione, anche se un punto fermo è stato fissato dalla giurisprudenza in materia, ovvero: gli atti ed i comportamenti attuati devono complessivamente costituire un’“aggressione psicologica”...
LavoroLavoro subordinatoContenzioso

Più vincoli ai cellulari aziendali

07/09/2007 Nell’articolo si esamina l’orientamento della giurisprudenza in tema di abusi del dipendente che possono legittimare il licenziamento. Ad esempio, nella sentenza della Cassazione civile n. 15334 del 9 luglio scorso, intervenuta in un ricorso di un dipendente licenziato per aver usato il telefonino aziendale per scopi personali, si stabilisce che l’indebita utilizzazione ai fini personali del cellulare aziendale configura giusta causa di recesso. Nel caso a nulla è valsa la difesa del dipendente,...
LavoroContenziosoLavoro subordinato

Dalla Cassazione una frenata sul mobbing

30/08/2007 La quinta sezione penale della corte di Cassazione, lo scorso 9 luglio, nella pronuncia n. 33624, ha sentenziato che il mobbing non integra il reato di lesioni personali volontarie gravi, quindi non può essere considerato reato. Nel caso giudicato dalla Corte, l’atto di incolpazione non contesta la reiterazione della condotta lesiva, caratteristica del mobbing, ma anzi la reiterazione è riferita ad azioni senza potenzialità direttamente lesiva dell’integrità della persona o prive di riscontri...
LavoroContenzioso

Il preavviso spacca i giudici

20/08/2007 Con la sentenza n. 11740/2007, la corte di Cassazione è tornata a pronunciarsi sull’efficacia del preavviso e sulle conseguenze nel rapporto di lavoro, nel caso in cui il datore di lavoro, nell’esercitare il recesso, esoneri il prestatore dallo svolgimento dell’attività durante il periodo di preavviso. Secondo la Cassazione, il rapporto di lavoro si estinguerebbe immediatamente, con l’unico obbligo, della parte recedente, di corrispondere l’indennità sostitutiva. In base all’articolo 2118 del...
LavoroLavoro subordinatoContenzioso

Niente mansioni superiori

13/08/2007 La corte di Cassazione, con la sentenza n. 17020 del 2 agosto scorso, ha stabilito che il dipendente che per brevi periodi ha svolto mansioni superiori alla sua qualifica, per sostituire colleghi in ferie, non può ottenere automaticamente una promozione. La richiesta di promozione – ha chiarito la Cassazione – può essere soddisfatta, superando le disposizioni contenute nell’articolo 2103 del Codice civile, solo se viene dimostrato un “intento fraudolento” del datore di lavoro, diretto ad...
LavoroContenzioso

Contributi dovuti anche a chi sceglie di non rientrare

13/08/2007 La sezione Lavoro della Cassazione, con la sentenza n. 16675 del 27 luglio scorso, ha stabilito che in caso di licenziamento illegittimo, il datore di lavoro deve versare, oltre alle retribuzioni perdute, i contributi previdenziali e assistenziali, anche se il lavoratore, dopo la sentenza che ha dichiarato inefficace il recesso, ha deciso di non rientrare in azienda e ha scelto di percepire l’indennità pari a 15 mensilità di stipendio, oltre al risarcimento del danno fissato dal giudice. I...
LavoroContenzioso

Legittimo il “no” dell’ispettore al giudice

05/08/2007 Secondo il parere dei giudici della sezione penale del Tribunale di Bolzano, espresso nella sentenza dello scorso 4 giugno, il dirigente che rifiuta di esibire all’Inps la copia degli atti (documentazione acquisita dall’Ispettorato del lavoro) non commette reato.
LavoroContenzioso

Illegittimo il licenziamento immediato

30/07/2007 La sentenza n. 15050 del 4 luglio 2007 della Cassazione entra nel merito del licenziamento disciplinare, affermando che non è legittimo tale licenziamento se comunicato insieme alla contestazione degli addebiti. La sentenza muove dal caso di un dipendente che ha fatto causa al datore per violazione dell’articolo 7 dello Statuto dei lavoratori che prevede l’obbligo di preventiva contestazione ed il diritto del lavoratore a svolgere le sue difese. 
ContenziosoLavoroLavoro subordinato

Cellulare aziendale, l’abuso giustifica il licenziamento

23/07/2007 La sentenza della Cassazione civile n. 15334 del 9 luglio scorso, è intervenuta in un ricorso di un dipendente licenziato per aver usato il telefonino aziendale per scopi personali stabilendo che l’indebita utilizzazione ai fini personali del cellulare aziendale configura giusta causa di recesso. A nulla è valsa la difesa del dipendente, in servizio da oltre 30 anni e senza alcun precedente disciplinare, che sosteneva che tale uso era stato fatto dal figlio. Il datore di lavoro ha contestato la...
Lavoro subordinatoLavoroContenzioso