Contenzioso

Crediti retributivi insoluti ex Dlgs 80/1992: il giudice decide se la prescrizione ostacola il diritto

17/07/2009 La Corte Ue ha emesso ieri, 16 luglio 2009, la sentenza sul procedimento C-69/08 che ha per oggetto: «Politica sociale – Tutela dei lavoratori – Insolvenza del datore di lavoro – Direttiva 80/987/CEE – Obbligo di pagare la totalità dei crediti insoluti entro un massimale prestabilito – Natura dei crediti del lavoratore nei confronti dell’organismo di garanzia – Termine di prescrizione». Si tratta della domanda pregiudiziale sollevata dal tribunale di Napoli circa la compatibilità tra la...
ContenziosoLavoroDiritto InternazionaleDirittoPrevidenza

La norma anti-precari è incostituzionale

15/07/2009 Con sentenza n. 214 dell'8 luglio 2009, la Corte costituzionale ha dichiarato l'incostituzionalità della norma cosiddetta anti-precari sui contratti a termine (articolo 4-bis del dlgs n. 368/2001), introdotta con la manovra estiva dello scorso anno in sede di conversione del dl n. 112/2008, in base alla quale, con riferimento ai soli giudizi in corso alla data del 22 agosto 2008 e fatte salve le sentenze passate in giudicato, in caso di violazione delle disposizioni su assunzione e proroga del...
LavoroLavoro subordinatoContenzioso

Risarcimento per concorsi alterati

13/07/2009 Per la Cassazione - sentenza n. 13368 del 2009 - in caso di assunzioni effettuate previo concorso, il datore che non rispetti gli obblighi del procedimento e le modalità di valutazione prescritte dalla legge, deve risarcire la perdita di chance subita dal concorrente pretermesso qualora questo dimostri che se la procedura selettiva si fosse svolta regolarmente lo stesso avrebbe avuto buone probabilità di vittoria. Eleonora Pergolari
Diritto CivileDirittoLavoroContenzioso

Senza errori o violenze la confessione è legittima

13/07/2009 Se un dipendente è sottoposto a procedimento disciplinare e rilascia una confessione stragiudiziale, essa deve considerarsi legittima in assenza di errori o violenza. Questo perché la confessione viene considerata come una dichiarazione resa per riconoscere, con coscienza e volontà, un fatto sfavorevole per se stessi e favorevole per l’altra parte. Dunque, tale confessione non può essere revocata e meno che non si dimostri che essa sia determinata da errore di fatto o da violenza e, in tal caso,...
LavoroContenzioso

Sbaglia chi assume su posti disponibili

30/06/2009 Il Giudice del lavoro di Oristano, con una sentenza del 12 giugno 2009, la n. 233, ha spiegato che per aversi immissione a ruolo di un docente occorre la presenza di un posto vacante non rilevando la costituzione di eventuali cattedre di salvaguardia. Con la decisione è stato respinto il ricorso presentato da un docente precario che lamentava di non essere stato immesso a ruolo in una classe di concorso dove risultavano due disponibilità. L'amministrazione, infatti, aveva disposto una sola...
Diritto AmministrativoDirittoLavoroContenzioso

La prescrizione ha tempi ordinari

29/06/2009 La Corte di legittimità, con la sentenza n. 13945 del 16 giugno 2009, ha spiegato che è soggetta all'ordinario termine di prescrizione l'azione del lavoratore per il riconoscimento della qualifica superiore; per contro, le azioni dirette a ottenere le differenza retributive derivanti dal suddetto riconoscimento si prescrivono nel termine di 5 anni.
LavoroLavoro subordinatoContenzioso

Niente mobbing in azienda

27/06/2009 Con una sentenza depositata ieri, la n. 26594, la Corte di cassazione ha confermato la decisione con cui i giudici dei gradi precedenti avevano assolto dal reato di maltrattamenti un capoufficio che, in una grande azienda, soleva vessare una dipendente. La Corte, in particolare, dopo aver precisato che il mobbing, nel nostro ordinamento, non costituisce una fattispecie di per sé punita penalmente, ha spiegato che per veder riconosciuto il reato di maltrattamenti occorre che le vessazioni siano...
Diritto CivileDirittoDiritto PenaleLavoro subordinatoLavoroContenzioso

Il recesso disciplinare si comunica senza ritardi

15/06/2009 La Corte di cassazione, con la sentenza n. 13167 del 2009, ha accolto il ricorso presentato da un direttore di una banca che era stato licenziato per giusta causa. Per l'uomo, il recesso era da considerarsi illegittimo in quanto gli era stato contestato dopo tre mesi ed era infondato. Mentre i giudici di merito avevano rigettato le istanze del bancario, la Cassazione ha ribaltato il verdetto precisando come, in linea generale, la contestazione debba avvenire “in immediata connessione temporale...
Lavoro subordinatoLavoroContenzioso